MARCO POLO: LE GOFF, NON DIMENTICHIAMO ANNIVERSARIO DEL ''MILIONE''
MARCO POLO: LE GOFF, NON DIMENTICHIAMO ANNIVERSARIO DEL ''MILIONE''

Roma, 14 apr. - (Adnkronos) - ''Dobbiamo rendere omaggio'' al settecentesimo anniversario del ''Milione'', perche' e' stato ''il libro che piu' d'ogni altro ha alimentato, fino ai nostri giorni, l'immaginario degli europei''. Il celebre storico francese Jacques Le Goff, uno dei maggiori conoscitori del Medioevo, invita a non trascurare la ricorrenza che cade quest'anno con una sorta di appello che appare sul nuovo numero della rivista ''Storia e dossier'', di cui e' condirettore.

Nel 1298 il mercante veneziano Marco Polo, prigioniero a Genova, detto' a Rustichello da Pisa, suo compagno di cella, una descrizione dell'Estremo Oriente arricchita dai ricordi del lungo viaggio in Mongolia e in Cina. Questo testo, chiamato generalmente in italiano ''Il Milione'', e' a parere del professor Le Goff ''un grande libro di storia brulicante di informazioni e un'impareggiabile testimonianza di molti importantissimi eventi del Duecento''. Lo storico definisce ''Il Milione'' ''la piu' bella creazione di un Medioevo che tenta di conciliare meraviglia e ragione attraverso un immaginario di rarita', di curiosita', di stranezze scientifiche''. Poiche' questo testo di Marco Polo e' stata fondamentale nella vita di tanti europei illustri (compreso Cristoro Colombo), Le Goff suggerisce di celebrare degnamente i 700 anni del ''Milione'' impedendo che l'anniversario venga trascurato.

(Pam/Pn/Adnkronos)