NOTIZIE FLASH: 1/A EDIZIONE (3) - L'INTERNO
NOTIZIE FLASH: 1/A EDIZIONE (3) - L'INTERNO

Roma. Lira in recupero sul dollaro e sostanzialmente stabile sul marco questa mattina in apertura dei mercati valutari italiani. La divisa statunitense viene scambiata a 1.781,50 lire contro le 1.794,46 indicate ieri da Bankitalia. Il marco vale 988,38 lire, contro le 988,03 di ieri.

Roma. ''Non si e' espropriato in alcun modo il Parlamento e non si deve confondere tali provvedimenti con altri interventi legislativi''. Lo ha detto il ministro dell'Interno, Giorgio Napolitano, rispondendo alla Camera ad alcune interrogazioni parlamentari sulle direttive del Viminale sulle forze di polizia. ''Se si perde la distinzione tra sfera dell'attivita' legislativa, che compete al Parlamento, e sfera dei poteri esecutivi e potesta' di regolamento, che fa capo al Governo, si fa grande confusione istituzionale''.

Roma. Fausto Bertinotti torna a lanciare un monito al governo. Prc e' ''preoccupata'' per alcune delle scelte che sarebbero contenute nel Dpef su settori quali scuola, mercato del lavoro e assetto pubblico di settori stretegici. Il leader comunista avverte - in una nota diffusa un'ora prima del vertice di palazzo Chigi tra Romano Prodi e i capigruppo della maggioranza - che il suo partito ''non potrebbe accettare scelte che vadano in una direzione controriformatrice''.

Roma. Questo e' il Dpef degli ''industriali italiani'' e dei ''banchieri tedeschi'': Rifondazione comunista non deve votarlo. E' la posizione della minoranza del Prc, secondo la quale il documento di programmazione economica e finanziaria varato dal governo ''assume priorita' del profitto d'impresa, non del lavoro''. ''Da un lato -sottolinea il portavoce della minoranza Marco Ferrando- prospetta nuovi 'risparmi' su servizi pubblici, gia' penalizzati, e una nuova ondata di privatizzazioni in settori strategici. Dall'altro, destina le risorse cosi' liberate al sostegno degli incentivi e delle politiche di flessibilita': tante occasioni di lavoro precario a vantaggio delle aziende, nessun vero posto di lavoro per disoccupati e precari''.

Roma. ''Non esiste una questione giudiziaria'' nei confronti dell'Arma dei Carabinieri nel suo complesso e chi sostiene il contrario attua ''connessioni arbitrarie prive di qualsiasi logica e strumentali. Sono pure speculazioni e montature politiche e giornalistiche''. Il ministro dell'Interno, Giorgio Napolitano, a conclusione di un intervento alla Camera, ha smentito cosi' qualsiasi ipotesi di un disegno politico contro i Carabinieri''. Quanto alle indagini giudiziarie che coinvolgono alcuni alti esponenti dell'Arma, Napolitano ha definito il caso-Delfino ''una vicenda molto delicata''. A proposito dell'inchiesta palermitana, Napolitano ha precisato che ''non c'e' una inchiesta che riguarda Mori. (segue)

(Sin/Zn/Adnkronos)