BERLUSCONI: ATTO SECONDO, CANCELLIERE? SI', MA SOLO SE... (2)
BERLUSCONI: ATTO SECONDO, CANCELLIERE? SI', MA SOLO SE... (2)

(Adnkronos) - Tutto nasce dalla domanda di Vespa sulla ragione per cui Berlusconi sia apparso negli ultimi tempi ''scontento'' del sistema presidenziale concordato. ''Perche' cosi' com'e' -risponde il Cavaliere- almeno nella formulazione attuale, non e' un sistema semi presidenziale: il presidente della Repubblica uscito dalla bicamerale non ha neppure i poteri che la Costituzione vigente riconosce all'attuale capo dello Stato: il potere di sciogliere le Camere e quello di designare il presidente del Consiglio''.

Per Berlusconi, ''privato di questi poteri, il nuovo presidente si presenterebbe come una specie di 're fannullone', eletto pero' a suffragio universale, dotato cioe' di una forte investitura popolare: un mandato forte senza poteri reali. Potrebbe venirne fuori solo un presidente 'picconatore', non un vero presidente con poteri di governo, come e' Chirac in Francia, che controlla e guida la politica estera e quella della difesa, nonostante ci sia li' una maggioranza socialcomunista e il centro-destra sia in crisi. Ma non s'era detto fino alla nausea che il nostro semipresidenzialismo doveva essere alla francese?'', si chiede il cavaliere.

(Pol/Gs/Adnkronos)