CARABINIERI: NAPOLITANO, 'NON ESISTE QUESTIONE GIUDIZIARIA CONTRO CC'
CARABINIERI: NAPOLITANO, 'NON ESISTE QUESTIONE GIUDIZIARIA CONTRO CC'

Roma, 15 apr. - (Adnkronos) - ''Non esiste una questione giudiziaria'' nei confronti dell'Arma dei Carabinieri nel suo complesso e chi sostiene il contrario attua ''connessioni arbitrarie prive di qualsiasi logica e strumentali. Sono pure speculazioni e montature politiche e giornalistiche''. Il ministro dell'Interno, Giorgio Napolitano, a conclusione di un intervento alla Camera, ha smentito cosi' qualsiasi ipotesi di un disegno politico contro i Carabinieri''.

Quanto alle indagini giudiziarie che coinvolgono alcuni alti esponenti dell'Arma, Napolitano ha definito il caso-Delfino ''una vicenda molto delicata''. A proposito dell'inchiesta palermitana, Napolitano ha precisato che ''non c'e' una inchiesta che riguarda Mori. C'e' una serie di persone a cui la Procura di Palermo ha rivolto delle contestazioni per le deposizioni fatte nel processo Contrada. Ma chi e' che ha scritto che c'e' solo Mori nell'Arma dei Carabinieri? Dentro c'e' un questore della Repubblica, un ex prefetto. Quindi non e' una inchiesta nei confronti di Mori, ma di un gruppo di persone di cui una appartiene all'Arma dei Carabinieri, le altre no. Quindi non esiste a Palermo in questo momento una questione che riguardi l'Arma o solo ufficiali dell'Arma''.

La vicenda che ha coinvolto l'attuale comandante generale, gen. Sergio Siracusa, poi ''e' stata strachiarita. Innanzitutto -ha osservato il ministro dell'Interno- Siracusa non era comandante dell'Arma ma era un generale dell'Esercito preposto alla direzione del Sismi. Quindi che cosa c'entra con l'Arma una contestazione relativa a piu' di due anni fa a Siracusa da parte di un magistrato?''. Le direttive del Viminale sul riordino delle forze di polizia e dei reparti speciali hanno attirato ''critiche che fanno rumore'' ma anche ''consensi sostanziali. Non sono direttive personali, sono scaturite da una consultazione collegiale in sede di governo. Non rispondo alle battute di qualsiasi parlamentare. Rispondo -ha sottolineato, riferendosi ai rililevi mossi da piu' di un esponente dell'opposizione- alle contestazioni che mi vengono rivolte con maggiore serieta' e in modo civile''.

(Mac/Zn/Adnkronos)