DPEF: COMM.TESORO, SPESA SOTTO CONTROLLO MA ATTENTI A FOCOLAI (3)
DPEF: COMM.TESORO, SPESA SOTTO CONTROLLO MA ATTENTI A FOCOLAI (3)

(Adnkronos)- Situazione delicata anche per i servizi di pubblica utilita', Fs in testa, considerata la fase di passaggio in cui si trovano. ''Il proprietario resta il tesoro -dice ancora Petretto- che per motivi istituzionali non ha pero' la capacita' di controllo tipico dell'azionista privato. I contratti di servizio e i contratti di programma pur essendo sottoscritti alla stregua di aziende private rischiano di non essere rispettati per le politiche generali cui il Tesoro e' vincolato. Tutto cio' rende questa fase abbastanza interlocutoria''. E la privatizzazione, in questo contesto, puo' anche non essere per Petretto una tappa obbligata, mentre lo e' quella della liberalizzazione con l'applicazione della direttiva Prodi.

La spesa pubblica e' comunque tornata a partecipare al processo di risanamento grazie anche ai procedimenti di controllo messi in opera in questi ultimi anni, a cominciare dalla contrazione delle autorizzazioni di cassa rispetto agli stanziamenti di competenza fino ai vincoli delle disponibilita' sui conti di tesoreria. ''La maggiore trasparenza dei documenti di bilancio, con relativa maggiore responsabilizzazione della dirigenza pubblica, costituiscono infatti -si legge ancora- interventi di tipo strutturale destinati a modificare radicalmente i comportamenti e gli incentivi dei principali soggetti della spesa pubblica''.

(Tes/Pe/Adnkronos)