GIUSTIZIA: SARTORI, ATTUALE LEGGE ELETTORALE AUMENTA POTERE MAFIA (2)
GIUSTIZIA: SARTORI, ATTUALE LEGGE ELETTORALE AUMENTA POTERE MAFIA (2)

(Adnkronos)- Un tema, questo, confermato dalla storia di Benedetto Labita di Alcamo, invitato da Costanzo a raccontare la sua storia giudiziaria. Accusato nel '92 da un pentito di collusione con la mafia, Labita ha scontato 31 mesi di ''nel lager di Pianosa'', per poi essere riconosciuto innocente sia in primo che in secondo grado. Oggi Labita e' ancora sotto sorveglianza speciale. ''Cio' che e' capitato a Labita e' gravissimo -ha riconosciuto Boemi- ma si sottovaluta che la magistratura e' costretta a dare credibilita' agli ex mafiosi perche' i cittadini per bene non collaborano con la giustizia''.

Il procuratore aggiunto di Reggio Calabria non ha mancato, tuttavia, di definire i collaboratori di giustizia come ''cittadini di serie B, perche' -ha spiegato- non hanno alcuna garanzia nel momento in cui decidono di collaborare''. A dimostrazione di cio' Boemi ha fatto leggere a Costanzo la lettera di un 'pentito' della 'ndrangheta, Ubaldo Giacomo Lauro, ''il cui apporto alle indagini calabresi -ha chiarito- e' pari a quello dato da Buscetta in Sicilia''. ''Sono passato -scriveva il pentito in una lettera indirizzata allo stesso magistrato reggino- dalla padella della criminalita' organizzata costituita dalla 'ndrangheta alla brace del crimine disorganizzato costituito dallo Stato''. (segue)

(Vlo/Pe/Adnkronos)