MONTECITORIO: I SILENZI DI PIO XII IRROMPONO IN TRANSATLANTICO
MONTECITORIO: I SILENZI DI PIO XII IRROMPONO IN TRANSATLANTICO

Roma, 15 apr. - (Adnkronos) - I 'silenzi' di Pio XII sul nazismo irrompono nel Transatlantico di Montecitorio. A poche settimane dall'uscita del discusso documento vaticano sull'Olocausto intitolato ''Noi ricordiamo: una riflessione sulla Shoah'', anche i deputati si interrogano sul ruolo che ebbe papa Pacelli di fronte allo sterminio del popolo ebreo durante la Seconda Guerra Mondiale. L'ultimo numero di ''Ritagli'' -la rassegna stampa culturale della Camera- dedica, infatti, a questo argomento un ampio spazio. Ad aprire la sezione sul mea culpa della Chiesa e' il testo integrale del documento (pubblicato con tanto di stemma papale) redatto dal cardinale Edward Idris Cassidy, responsabile della Commissione per i rapporti religiosi con l'ebraismo.

In tutto nella rassegna culturale vengono ospitati una quarantina di articoli di varie riviste tra cui ''Civilta' Cattolica'', la prestigiosa testata della Compagnia di Gesu' e ''Shalom'', il mensile della comunita' ebraica. Dal quindicinale dei gesuiti sono stati estratti l'ultimo editoriale scritto dal direttore, padre Gian Paolo Salvini, ed un saggio che difende l'operato di Pio XII di padre Pierre Blet, lo storico che ha trascorso piu' di 10 anni nell'archivio della Segreteria di Stato vaticana ad analizzare i documenti riservati dell'epoca e non accessibili al pubblico. Dal lavoro di Blet emerge che Pacelli contribui' a mettere in salvo, in conventi e monasteri, oltre 800 mila ebrei. (segue)

(Sin/Pn/Adnkronos)