ROGATORIE: FLICK, NESSUN ILLECITO DISCIPLINARE DA PARTE DEL POOL (3)
ROGATORIE: FLICK, NESSUN ILLECITO DISCIPLINARE DA PARTE DEL POOL (3)

(Adnkronos) - Quanto alla relazione del Secit, Flick precisa che ''riveste carattere di studio e che si basa sulle richieste di rinvio a giudizio della Procura di Milano, nonche' sul decreto del gip che lo ha disposto''. In particolare, a proposito del nulla osta rilasciato dal pm milanese Giuseppe Greco alla Guardia di Finanza per l'utilizzazione a fini amministrativi di alcuni atti di indagine, il Guardasigilli informa che: ''Con nota dell'11 marzo, il Procuratore della Repubblica di Milano ha trasmesso una relazione del sostituto Greco nella quale e' precisato che il nulla osta era relativo a procedimenti per i quali era gia' stato richiesto il rinvio a giudizio degli imputati e non comprendeva l'autorizzazione a violare leggi, regolamenti o convenzioni internazionali''. Greco precisava inoltre che non erano stati consegnati al Secit atti delle rogatorie svizzere per il rapporto sui paradisi fiscali.

Insomma quanto basta per far escludere a Flick ''che vi sia stato utilizzo diretto o indiretto delle rogatorie svizzere a fini fiscali, in conseguenza del nulla osta della Procura di Milano del 3 dicembre del '96''. ''Ne' risulta -sottolinea il Guardasigilli- che le rogatorie svizzere siano state in effetti utilizzate con il consenso della Procura di Milano, la quale anzi lo ha espressamente negato quando sia stato richiesto riguardante numerose persone indagate tra cui Acampora, Pacifico, Previti, Squillante e Verde''.

(Vlo/Gs/Adnkronos)