ILLUMINISMO: LO STORICO MARC FUMAROLI, FU MERITO DEI GESUITI
ILLUMINISMO: LO STORICO MARC FUMAROLI, FU MERITO DEI GESUITI

Roma, 2 mag. - (Adnkronos) - L'Illuminismo? Merito anche e soprattutto dei Gesuiti. I padri della Compagnia di Gesu' furono, infatti, abili uomini di cultura, la cui ''forza spirituale direttiva e motrice'' consenti' la diffusione del sapere rinascimentale tra i laici nell'Europa cattolica. A sfatare la ''leggenda nera'' che grava sull'ordine religioso fondato da Ignazio di Loyola e' Marc Fumaroli, il famoso storico del College di France a Parigi, che pubblica un intervento sulla rivista ''Lettere italiane'', diretta da Vittore Branca e Carlo Ossola.

Per Fumaroli, e' l'ora di riesaminare quella leggenda storiografica secondo la quale ''gesuitismo'' e' diventato sinonimo di sofisticheria e ipocrisia, poiche' durante l'Ancien Regime i Gesuiti sarebbero stati grandi avversari del buon senso comune come del progresso dei Lumi. Niente di piu' falso, secondo lo storico francese, perche' i Gesuiti dimostrarono in Europa, tra il XVII e il XVIII secolo, di voler ''conquistare le menti piu' difficili e prevenute, con il dominio delle nuove discipline dell'Umanesimo rinascimentale e riformistico''. Queste importanti scelte della Compagnia di Gesu' ''ebbero delle ripercussioni nel Settecento'': non fu un caso, ad esempio, se alcuni tra i piu' famosi illuministi, Voltaire e Diderot, fossero stati allievi di scuole gesuitiche.

Marc Fumaroli ribalta radicalmente il piu' diffuso luogo comune sui Gesuiti: ''Non ci sono dubbi che essi nutrirono abbondantemente il nuovo illuminismo filosofico laico. Diedero sostanza al mito centrale dell'illuminismo: l'uomo naturale, l'innocente selvaggio''. Lo storico del College de France si dichiara percio' pronto ''a esaminare, come nostri fratelli in inquietudine e ricerca, questi Gesuiti dell'Ancien Regime, che cercarono e fallirono, assai spesso con superiore intelligenza e luminosita', nel tentativo di tenere insieme le tendenze centrifughe cosi' come quelle centripete dei loro tempi''.

(Pam/Zn/Adnkronos)