EURO: VELTRONI, SU BCE SOLUZIONE DI COMPROMESSO
EURO: VELTRONI, SU BCE SOLUZIONE DI COMPROMESSO

Roma, 4 mag. (Adnkronos) - La decisione di una staffetta alla guida della Banca Centrale Europea, dopo 22 ore di trattativa, ''e' una soluzione di compromesso, negarlo sarebbe sbagliato''. Questo il commento del vice presidente del Consiglio Walter Veltroni, intervistato da Gianni Minoli per Mixer. ''Non ci aspettavamo -ha ammesso Veltroni- uno scontro di queste dimensioni tra Francia e Germania''.

''Il risultato ottenuto e' senza dubbio di grandissima portata -ha aggiunto Veltroni- ma se c'e' solo la banca, l'Europa non si fa. Ora c'e' bisogno di accelerare l'Europa politica''. Il vice presidente del Consiglio ha smentito ancora una volta che ci possano essere 'tentazioni' di voto anticipato per un centro sinistra che ha centrato lo storico obiettivo europeo. ''Non facciamo questi giochi. Il Paese ha bisogno di stabilita', eppoi daremmo di noi una cattiva immagine ai nostri partner europei. Del resto, ne ho visti molti, in passato, che hanno sciolto le camere convinti di vincere e invece hanno perso. Noi, che in questi due anni abbiamo inviato al Paese un messaggio di serieta' e rigore, ci sentiamo impegnati in una sfida che dura 5 anni''.

Quanto alla richiesta di Fausto Bertinotti di smettere con i sacrifici per gli italiani, Veltroni ha replicato dicendo che per il governo e' importante, ed e' fonte di orgoglio, ''poter dire che per quest'anno e per il prossimo non ci saranno piu' stangate. La politica di rigore, pero', non e' ancora finita''. Ne' Veltroni crede alla possibilita' che Rifondazione possa tirare la corda fino al punto di romperla e provocare una crisi di governo: ''sarebbe incomprensibile -dice- far cadere il governo proprio ora che ha centrato lo storico traguardo europeo''.

(Fer/As/Adnkronos)