DESTRA: LO SCRITTORE PAZZI ABBANDONA 'LO STATO', RAZZISTA CON I GAY
DESTRA: LO SCRITTORE PAZZI ABBANDONA 'LO STATO', RAZZISTA CON I GAY

Roma, 6 mag. (Adnkronos) - Lo scrittore Roberto Pazzi, che di recente ha espresso simpatie per la destra, ha deciso di abbandonare il settimanale ''Lo Stato'', diretto da Marcello Veneziani, di cui e' uno dei collaboratori fin dalla fondazione. Il motivo? Veneziani, ideologo della nuova destra, avrebbe sposato, a parere di Pazzi, una concezione dell'omosessualita' ''razzista'', andando ben oltre l'attacco ai gay di Gianfranco Fini. In una lettera inviata a Veneziani, con la quale gli chiede di toglierlo dalla lista dei collaboratori, lo scrittore sottolinea di non poter restare in compagnia di chi esprime una ''posizione omofoba''.

Dalle colonne de ''Lo Stato'', Veneziani replica di non aver ''alcuna posizione omofoba'', ritenendo che agli omosessuali ''nuocciano piu' Grillini e la retorica gay che la Chiesa cattolica o la destra nazionale''. Il giornalista smentisce di aver mai plaudito a posizioni razziste, ammettendo di non amare ''l'ostentazione di quello che oggi si chiama l'orgoglio gay''. E di sentirsi impegnato nella difesa dei valori condivisi dalla societa'.

(Sin/As/Adnkronos)