NOTIZIE FLASH: 3/A EDIZIONE (3) - L'INTERNO
NOTIZIE FLASH: 3/A EDIZIONE (3) - L'INTERNO

Roma. L'incertezza sul numero esatto delle vittime del disastro che ha messo in ginocchio la Campania non e' dovuta a imperizia o ritardo. A precisarlo e' il ministro dell'Interno, Giorgio Napolitano, nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Chigi sull'emergenza nelle province di Salerno, Caserta e Avellino: ''l'unico numero certo e' quello dei morti -spiega ai cronisti- perche' invece il numero dei dispersi e' una cifra presuntiva, da sottoporre a verifica, perche' e' stata fatta su elenchi compilati sulla base di indicazioni di familiari ed amici''. Intanto e' stato programmato per domani un vertice a palazzo Chigi, al quale partecipera' anche il presidente del Consiglio Romano Prodi di ritorno dagli Stati Uniti, sul disastro in Campania.

Roma. Il ministro delle Comunicazioni Antonio Maccanico e' intervenuto sulle polemiche successive al disastro in Campania: ''Sono rimasto sconcertato, a dir poco, dopo aver letto alcuni titoli e servizi che i vari giornali hanno dedicato alla mia visita con il Presidente del Senato Mancino nei paesi della Campania colpiti dal disastro idrogeologico''. ''Le fuorvianti informazioni di una sola agenzia di stampa -ha aggiunto- hanno letteralmente fatto stravolgere le dimensioni di cio' che e' veramente accaduto. Qualche fischio, qualche frase di sdegno -peraltro comprensibili nella situazione drammatica in cui si trovano quelle popolazioni- ad opera di una decina di persone in mezzo a migliaia di cittadini: niente di piu' si e' verificato''.

Roma. ''Un grande partito di sinistra innovativa e' oggi la parte centrale della coalizione del governo. Rafforzare questo grande partito non e' in contraddizione con il necessario rafforzamento dell'Ulivo. E' ovvio per tutti, salvo per il grande pettegolezzo politico e per una demenziale dietrologia, che lavorare per rafforzare i pilastri significa rafforzare e non indebolire l'edificio sui quali si fonda''. Massimo D'Alema, intervendo ad un convegno sulle politiche sociali promosso dai Ds in Campidoglio, torna ad assicurare ''il massimo impegno'' del suo partito perche' ''questo governi vada avanti nella sua azione''.

Roma. L'Italia per stare in Europa deve scegliere se pagare piu' tasse o spendere meno rispetto agli altri paesi della comunita'. E cio' perche' abbiamo un debito doppio rispetto a Francia e Germania. A sottolinearlo e' stato il ministro delle Finanze, Vincenzo Visco, concludendo il convegno sulla riforma fiscale nell'ambito del Forum della Pa. Al convegno e' intervenuto anche il direttore generale e di Confindustria, Innocenzo Cipolletta, che ha chiesto una terapia d'urto per ridurre la pressione fiscale: ''nel medio e lungo periodo -ha detto- deve scendere di otto punti''.

Roma. ''L'Unione monetaria deve condurre ad un'ulteriore integrazione politica''. Lo ha detto il presidente della Bundesbank Tietmeyer in un;intervista al quotidiano 'Le Monde'. Tietmeyer spinge per una banca centrale europea ''depoliticizzata'' se non si vogliono ''veder nascere conflitti politici tra le nazioni''.

Milano. La Borsa di Milano ha chiuso con l'indice Mibtel in progresso del 2,11% a quota 24.015 e il Mib30 in rialzo del 2,19% a 34.683. La seduta e' stata altalenante ma sempre di segno positivo. Nel primo pomeriggio dopo la diffusione dei dati sulla disoccupazione statunitense, ha subito una brusca frenata. Poi, ha nuovamente recuperato. (segue)

(Sin/As/Adnkronos)