UEM: VISCO, ITALIA AL BIVIO O PIU' TASSE O MENO SPESE PARTNER (2)
UEM: VISCO, ITALIA AL BIVIO O PIU' TASSE O MENO SPESE PARTNER (2)

(Adnkronos) - In precedenza era intervenuto il direttore di Confindustria Innocenzo Cipolletta che aveva chiesto una forte riduzione della pressione fiscale: ''l'Italia e tutta l'Europa -ha detto- deve porsi come obiettivo di lungo-medio periodo quello di portare la pressione fiscale complessiva intorno al 40%. Per l'Italia -ha poi spiegato Cipolletta- si tratta di un calo di circa otto punti in quanto attualmente se si considera il complesso di tutte le entrate (contributive, fiscali e da altri cespiti) siamo al 48%''.

L'obiettivo quello della riduzione della pressione fiscale condiviso in linea di principio anche dal ministro delle Finanze Visco, che comunque parte da un dato leggermente diverso. Noi -ha detto Visco- tra tasse e contributi siamo al 42-43%. Poi ci sono le entrate straordinarie, ma quelle e' bene che ci siano: si tratta dei proventi, dei dividendi e delle entrate in conto capitale che ci saranno fino a quando no non si concluderanno le privatizzazioni. Percio' -ha aggiunto- si deve operare su quel 42-43%. Li' si potra' scendere gradualmente. Non e' un problema. A medio lungo termine si puo' fare di tutto''. (segue)

(Ric/As/Adnkronos)