NOTIZIE FLASH: 1/A EDIZIONE (2) - L'ESTERO
NOTIZIE FLASH: 1/A EDIZIONE (2) - L'ESTERO

Giacarta. Hanno causato almeno dieci morti gli scontri delle ultime ore tra forze armate e studenti che chiedono le dimissioni del presidente Suharto. I militari hanno ripetutamente sparato sui dimostranti ed una vera e propria battaglia sarebbe in corso stamane all'universita'. Gli osservatori stranieri evocano lo spettro della guerra civile e di una ''nuova Tienanmen'' in Indonesia.

Berlino. Il Presidente Clinton e' giunto a Berlino per una visita di due giorni in occasione del cinquantenario del ponte aereo che salvo' la citta' dal blocco imposto dai sovietici. Oggi Clinton incontrera' il Cancelliere Kohl: al centro dei colloqui le prospettive per l'Europa orientale, il Kossovo ed i test nucleari indiani.

Beirut. Un raid aereo israeliano contro terroristi palestinesi in Libano ha provocato almeno 4 morti, secondo fonti di Beirut. Basi del gruppo ''Fatah per la rivoluzione'' nella valle della Bekaa sono state colpite dagli aerei israeliani con bombe e razzi.

Nuova Delhi. Massiccio consenso in India per la decisione del governo Vajpahee di procedere ai test nucleari. E' quanto emerge dai sondaggi effettuati dal Market Research Bureau, secondo cui il 91 per cento degli interpellati in sei citta' del subcontinente approva la politica nucleare.

Tokyo. Il Giappone, primo fornitore di aiuti all'India, ha deciso di sospendere i prestiti-dono a questo Paese in seguito ai tre esperimenti nucleari di lunedi'. Lo ha annunciato il premier Hashimoto. Gli aiuti di Tokyo ammontano a 3,5 mld di yen l'anno (26 milioni di dollari). Nessuna decisione e' stata ancora presa sull'eventuale blocco dei prestiti per lo sviluppo, in attesa della reazione dell'India, ha detto il premier. Tokyo non ospitera' tuttavia un summit sull'aiuto allo sviluppo economico indiano previsto per il prossimo 30 giugno.

Belgrado. Il presidente jugoslavo Slobodan Milosevic incontrera' venerdi' prossimo a Belgrado Ibrahim Rugova il leader albanese del Kossovo. Ad annunciarlo e' stato Richard Holbrooke, il mediatore statunitense da alcuni giorni impegnato in una missione diplomatica per cercare di risolvere la crisi nella provincia serba a maggioranza albanese. (segue)

(Sin/Zn/Adnkronos)