CSM: SOFRI, APPENDE LA TOGA AL CHIODO GIUDICE DELLA TORRE
CSM: SOFRI, APPENDE LA TOGA AL CHIODO GIUDICE DELLA TORRE

Roma, 13 mag. - (Adnkronos) - Appende la toga al chiodo il giudice milanese Gian Giacomo Della Torre, presidente della Corte d'Assise d'Appello del capoluogo lombardo che nel novembre del '95 condanno' Adriano Sofri, Ovidio Bompressi e Giorgio Pietrostefani a 22 anni di reclusione per l'omicidio del commissario Luigi Calabresi. Il plenum del Csm ha deliberato infatti il suo ''collocamento a riposo per raggiunti limiti d'eta''' a partire dal 5 giugno.

Della Torre, che attualmente presiede la Terza sezione della Corte d'Appello di Milano, e' nato a Bergamo; compira' 72 anni il 4 giugno prossimo. Circa un anno fa, esattamente il 27 giugno del '97, e' stato archiviato il procedimento aperto nei suoi confronti con l'accusa di aver esercitato presunte pressioni sui giudici popolari che avevano emesso la sentenza del '95 al processo Calabresi.

Dal 31 maggio, poi, restera' vacante un'altra poltrona di primo piano: andra' infatti in pensione il procuratore aggiunto di Roma Giuseppe Volpari, che ha retto gli uffici giudiziari della Capitale durante l''interregno' Coiro-Vecchione. Sempre oggi, il plenum del Csm ha deliberato il ''collocamento a riposo per raggiunti limiti di eta''' di Volpari, conferendogli anche il titolo onorifico di procuratore generale presso la Cassazione.

(Arc/Zn/Adnkronos)