IMPOTENZA: L'ANDROLOGO, 'VIAGRA' A RISCHIO PEDOFILIA
IMPOTENZA: L'ANDROLOGO, 'VIAGRA' A RISCHIO PEDOFILIA

Roma, 13 mag. (Adnkronos) - Attenzione al Viagra, potrebbe essere una scorciatoia verso la pedofilia. Un paziente su dieci che si rivolge all'andrologo, chiedendo in generale il potenziamento delle proprie capacita' e' infatti senza una partner fissa ed ha una visione distorta del sesso. L'allarme e' lanciato dal professor Giovanni Spera, andrologo dell'universita' ''La Sapienza'' di Roma, uno degli sperimentatori della pillola anti-impotenza e autore del libro ''L'uomo eretto''.

''La pillola dovrebbe essere utilizzata solo da soggetti ritenuti dal medico 'normali' - dice Spera all'Adnkronos - che abbiano cioe' una partner fissa e con problemi di deficit erettile. Attenzione invece all'ipotesi che venga utilizzata abusivamente da chi non ha la partner, da chi e' addirittura spaesato dal punto di vista sessuale, perche' pensa che la sessualita' sia un diritto e tramite quello arrivare a conquistare. In questo caso potrebbe pensare di utilizzare questo mezzo solo per manifestare la sua mascolinita' che non sempre e' serena, corretta e bene equilibrata. Guarda caso, questo mondo in cui c'e' una richiesta sconsiderata del Viagra e' lo stesso in cui, secondo Telefono Azzurro, aumentano del 30% gli abusi sessuali sui minori''.

''Dobbiamo tenere presente infatti che un 10 per cento dei nostri pazienti - aggiunge Spera - soprattutto tra i 50 e i 60 anni risulta dalla storia clinica, senza partner fissa: sentono un desiderio che loro non capiscono bene perche' hanno l'impulso, la necessita', di dimostrare la loro potenza, la rivalsa; sono convinti che aumentando le capacita' sessuali possano sentirsi piu' sicuri e avere piu' successo nella vita. Il Viagra per questi rappresenta una scorciatoia. Non vorrei quindi dirlo direttamente, ma questa pillola e' a rischio pedofilia se non controllata nelle prescrizioni''.

(Ria/Zn/Adnkronos)