CONTRATTI D'AREA: FIRMA PER ALGHERO-SASSARI-PORTO TORRES
CONTRATTI D'AREA: FIRMA PER ALGHERO-SASSARI-PORTO TORRES

Roma, 13 mag. (Adnkronos) - Governo, sindacato, impresa ed enti locali hanno firmato questo pomeriggio a Palazzo Chigi il contratto per l'area di Porto Torres-Alghero-Sassari, il quarto dopo quelli di Crotone, Manfredonia, Torre Annunziata e Castellammare di Stabia. L'intesa prevede 7 investimenti per un ammontare complessivo di 32 miliardi di lire (18 mld di risorse pubbliche) e la creazione a regime di 221 nuovi posti di lavoro. Ad annunciarlo sono stati i segretari confederali di Cgil Cisl e Uil, Walter Cerfeda, Natale Forlani e Paolo Pirani nel corso di una conferenza stampa.

Soddisfatti a meta' i sindacati: ''Questo di oggi e' il quarto contratto d'area -ha spiegato Pierani- e gia' venerdi' prossimo verra' firmato, sempre in Sardegna, quello di Ottana in provincia di Nuoro. Entro maggio sara' la volta di Gela e Terni e si attiveranno quelli dell'area del cratere a cominciare dal comune di Potenza: cerchiamo di raggiungere l'obiettivo di 40 accordi tra contratti d'area e patti territoriali entro il '98''. Ma questo ''non basta'' denuncia l'esponente della Uil, ''bisogna accelerare e quindi rendere piu' snelle, con un maggior accordo con gli enti locali, le procedure per attuare tutti i cosiddetti strumenti di programmazione negoziale, altrimenti corrono il rischio di rimanere solo sulla carta''.

C'e' infatti ''un atteggiamento passivo della burocrazia -ha avvertito il segretario confederale della Cgil- che puo' uccidere uno strumento ricco di potenzialita' come i contratti d'area. Proprio per dare una maggiore spinta alle procedure di attuazione di queste imprese abbiamo inviato una lettera al ministro del Tesoro Ciampi: ora attendiamo una sua risposta''. (segue)

(Vam/Pe/Adnkronos)