PIRATERIA AUDIOVISIVA: FAPAV CONTRO COMM. GIUSTIZIA SENATO
PIRATERIA AUDIOVISIVA: FAPAV CONTRO COMM. GIUSTIZIA SENATO

Roma, 13 mag. (Adnkronos) - La Federazione Antipirateria Audiovisiva (Fapav) esprime ''la piu' viva protesta per l'atteggiamento della Commissione Giustizia del Senato, che nel corso dell'approvazione della nuova legge contro la pirateria in tutte le sue forme, sta disattendendo le indicazioni e le aspettative di tutti quegli operatori (magistratura, forze dell'ordine, industria, commercio) che da anni combattono sul campo contro questo gravissimo fenomeno criminoso''.

Per questo la Favap chiede alla Commissione ''un ripensamento anche alla luce di una piu' attenta valutazione del livello estremamente preoccupante della contraffazione in Italia'' e si augura che ''venga approvato un testo di legge conforme alle aspettative degli operatori e che permetta all'Italia di disporre di un testo normativo-sanzionatorio allineato a quello degli altri Paesi europei''.

''Il testo originario del ddl approvato in sede referente, dalla stessa Commissione Giustizia del Senato -ricorda la Fapav- prevedeva misure capaci di adeguare il sitema sanzionatorio a quello degli altri Paesi europei e ottemperava agli accordi internazionali Trips sottoscritti dal nostro paese''. ''Le stime piu' recenti -sottolinea ancora la Fapav- quantificano il mercato illegale del solo settore audiovisivo in 500 miliardi di lire di mancati incassi a cui si sommano circa 200 miliardi dovuti all'evasione fiscale'', inoltre, ''il controllo del mercato illegale, come emerso nel corso delle piu' importanti operazioni antipirateria, e' saldamente in mano a potenti organizzazioni criminali'' e ''i proventi derivanti dall'illecita duplicazione sono preminentemente finalizzati a finanziare altre attivita' illegali''.

(Red/As/Adnkronos)