ARCHEOLOGIA: CONVENZIONE DIFESA - BENI CULTURALI (3)
ARCHEOLOGIA: CONVENZIONE DIFESA - BENI CULTURALI (3)

(Adnkronos) - Il programma di massima per il 1998 prevede in particolare una serie di indagini subacquee, a quote profonde lungo la costa Ovest dell'Isola dell'Asinara, in Sardegna; un'indagine nell'area della Punta Serrone (Brindisi) dove nel 1992 furono recuperati circa 460 frammenti bronzei, appartenenti quasi tutti a delle statue, ora in mostra nel museo archeologico nazionale di Brindisi; la ricerca sugli alti fondali dell'isolotto di Vivara (isola di Procida) di relitti di epoca micenea collegabili con gli insediamenti relativi ad aree portuali del XVII-XV secolo a.C; infine le prospezioni nei fondali medio-profondi davanti all'isola di Levanzo, in Sicilia per individuare resti piu' volte segnalati e la definitiva localizzazione sia di importanti delitti che trasportavano reperti antichissimi, sia di resti piu' recenti di navi risalenti al I secolo dopo Cristo. Il ministro Andreatta ha sottolineato che l'impegno dei militari nelle attivita' sociali e civili del Paese non e' mai mancato ma che ora tende definitivamente a specializzarsi anche nei fondamentali settori della cultura.

Veltroni dal canto suo ha sottolineato che la collaborazione con il ministero della Difesa sta dando gia' frutti molto imporanti: il piu' recente e' la destinazione ad un museo moderno dell'intero complesso della caserma di Vio Guidoneri. (Segue)

(Pal/Zn/Adnkronos)