ISTAT: QUASI 10 MLN DI RICOVERI NEGLI OSPEDALI
ISTAT: QUASI 10 MLN DI RICOVERI NEGLI OSPEDALI

Roma, 14 mag. (Adnkronos/Adnkronos Salute) - Sono stati 9 milioni 800 mila i ricoveri registrati nel 1996 negli ospedali italiani, con un aumento del 9% rispetto all'anno precedente e del 12% rispetto al 1992. Il tasso di ospedalizzazione e' risultato di 171 degenti ogni 1000 residenti, leggermente piu' elevato dei 160 previsti da quello standard, mentre il numero di posti letto e' stato di 5,4 ogni 1000 abitanti, rispetto ai 5,5 della dotazione media. E' quanto emerge dal Rapporto annuale Istat 1997, presentato oggi al Parlamento dal Presidente dell'Istituto Nazionale di Statistica, Alberto Zuliani.

Il tasso di ospedalizzazione e' risultato piu' elevato al Nord (174,8 per mille) e al Centro (170,3) rispetto al Mezzogiorno (166,4) sia per la presenza di un quadro epidemiologico piu' favorevole al Sud, sia per la forte emigrazione sanitaria verso le zone centro-settentrionali. Anche per la disponibilita' delle strutture si e' registrata una disparita' tra le varie aree del paese: nel Mezzogiorno erano 4,8 i posti letto ogni 1000 residenti e in molti casi sottoutilizzati (mediamente, in un anno, viene occupato il 70% dei posti letto disponibili), rispetto al Centro-Nord che presentava invece un'alta dotazione di posti letto (intorno a 6 ogni 1000) ed un buon utilizzo (76% circa).

L'introduzione, nel 1995, dei DRG, sistema di finanziamento degli ospedali non piu' basato sulla durata della degenza ma sulla remunerazione delle prestazioni secondo tariffe specifiche, ha 'prodotto' un incremento di circa 800mila ricoveri, riducendo pero' la durata media della degenza passata da 9,5 giorni del '95 a 8,6 del 1996.

(Sal/Pe/Adnkronos)