ETIOPIA-ERITREA: ADDIS ACCETTA PIANO USA
ETIOPIA-ERITREA: ADDIS ACCETTA PIANO USA

Addis Abeba, 4 giu. - (Adnkronos/Dpa) - Addis Abeba avrebbe accettato il piano di pace presentato dai mediatori americani e ruandesi per porre fine al conflitto di frontiera tra Etiopia ed Eritrea. Il sottosegretario di Stato americano per l'Africa, Susan Rice, ha reso noto ad Addis Abeba che il premier etiopico Meles Zenawi ha accettato ''in linea di principio'' il piano, articolato in quattro punti: ritiro delle forze eritree dalla zona di frontiera di Bademme, smilitarizzazione dell'intero confine etiopico-eritreo, invio di una forza di osservatori internazionali e ripristino dell'amministrazione etiopica nella regione oggetto del contenzioso.

Sara' soprattutto quest'ultimo punto ad essere di difficile digestione per il governo dell'Asmara, che rivendica ed ha invaso lo scorso 6 maggio il triangolo di Yigra sulla base delle mappe risalenti al dominio coloniale italiano. Ma il piano proposto dalla Rice e dal ministro della Presidenza ruandese Patrick Mazimhaka prevede l'uso anche di tali mappe -che l'Italia ha recentemente messo a disposizione dei due governi africani - per la demarcazione definitiva del confine da parte di una commissione internazionale di esperti, una evidente concessione alle posizioni del leader eritreo Issayas Afewerki. In qualita' di presidente di turno dell'Unione Europea, il capo del ''Foreign Office'' britannico, Robin Cook, ha espresso in un comunicato diffuso da Londra ''pieno sostegno'' alla mediazione americano-ruandese, avvertendo che ''l'uso della forza in questa disputa di frontiera e' inaccettabile e rischia di minare la stabilita' regionale e lo sviluppo'' nel Corno d'Africa.

(Ses/Zn/Adnkronos)