M.O.: NETANYAHU, SARA' LA KNESSET A DARE L'OK AL RITIRO
M.O.: NETANYAHU, SARA' LA KNESSET A DARE L'OK AL RITIRO

Gerusalemme, 4 giu. (Adnkronos)- Il prossimo ritiro delle truppe israeliane dalla Cisgiordania dovra' essere approvato dalla Knesset. Ad affermarlo ai ministri del Likud e' stato il premier Benyamin Netanyahu, il quale ha anche chiarito che i negoziati sul ritiro limitato dai Territori autonomi sono svincolati dagli accordi di coalizione. Intanto al termine di un incontro con il leader laburista, Ehud Barak, l'ambasciatore americano a Tel Aviv, Edward Walker, ha detto che gli Stati Uniti prenderanno una decisione definitiva sul piano messo a punto dal dipartimento di Stato (il ritiro d'Israele dal 13.1 per cento della Cisgiordania) nei prossimi giorni, quando sara' chiaro se un accordo tra Israele ed Autorita' nazionale palestinese (Anp) e' possibile. Walker ha anche ribadito che gli Stati Uniti non hanno posto alcun ultimatum al governo israeliano, anche se ha detto che i ''tempi sono molto stretti''.

Pur annunciando che il suo partito non fara' ostruzione nei confronti del governo se ne condividera' la politica di pace, Barak non ha voluto rivelare se sul ritiro dalla Cisgiordania i laburisti appoggeranno Netanyahu alla Knesset. 'La nostra posizione sara' annunciata solo dopo che il governo avra' preso una decisione definitiva -ha affermato Barak- Noi siamo per il processo di pace ma non abbiamo fiducia in questo governo. Netanyahu e' incapace di ottenere la pace con la Siria ed i palestinesi''. (segue)

(Ses/Pe/Adnkronos)