CARCERI: SENATORI MAGGIORANZA, REVOCARE APPALTO PER FAVIGNANA
CARCERI: SENATORI MAGGIORANZA, REVOCARE APPALTO PER FAVIGNANA

Roma, 11 giu. (Adnkronos) - Revocare le procedure relative alla costruzione del ''carcere d'oro'' sull'isola di Favignana. E' quanto chiedono, in una lettera inviata ai ministri dei Lavori Pubblici e della Giustizia, i presidenti dei gruppi della maggioranza in Senato Salvi e Figurelli (Ds), Pieroni e De Luca (Verdi), Elia (Ppi), Marino (Prc) e Fumagalli Carulli (Ri). A darne notizia e' il Verde De Luca, tra i primi parlamentari a denunciare il ''grande scempio ambientale e spreco di denaro pubblico''. ''Di fronte alla chiara e ferma volonta' di tutti i rappresentanti della maggioranza che sostengono il governo, i ministri Costa e Flick -sottolinea De Luca- non avranno piu' dubbi sul da farsi rispetto al mega-carcere di Favignana e impiegheranno meglio i 120 miliardi previsti per la sua costruzione''.

Nella lettera i senatori denunciano come il carcere sarebbe un'opera ''inquinata e inquinante'': ''Propria -spiegano- di una politica di edilizia carceraria in contrasto con gli orientamenti che hanno portato alle dismissioni dell'Asinara e di Pianosa; incompatibile con il piano paesistico territoriale e con le possibilita' di uno sviluppo economico appropriato delle isole Egadi; legata alla corruzione e alle tangenti''.

''Sarebbe assurdo -aggiunge De Luca- che lo Stato realizzasse un'opera di questo tipo''. Tanto piu', aggiunge, che ''i problemi di sovraffollamento delle carceri sono destinati a ridursi con le nuove leggi sulla depenalizzazione dei reati minori'' e che ''lo stesso ministero della Giustizia ha indicato nella ristrutturazione delle strutture esistenti il sistema piu' rapido ed economico per fronteggiare il sovraffollamento''. ''Con 120 miliardi -conclude De Luca- si creano 3.000 posti lavoro!''.

(Sin/Zn/Adnkronos)