IMMIGRATI: DOMANI A TREVISO IN 'CITTADELLA' CONTRO IL RAZZISMO
IMMIGRATI: DOMANI A TREVISO IN 'CITTADELLA' CONTRO IL RAZZISMO

Roma, 11 giu. - (Adnkronos) - Seduti in ''Cittadella'' per una societa' multietnica. Domenica prossima, ''Chiama l'Africa'', la prima Campagna di informazione e sensibilizzazione a cui aderiscono 250 organismi della societa' civile, organizza a Treviso, un'intera giornata di mobilitazione nazionale degli africani in Italia, in collaborazione con Cgil, Cisl e Uil, per respingere con forza qualsiasi tentativo di discriminazione e razzismo nei confronti degli immigrati, cittadini e lavoratori che vivono in Italia.

''Dopo i fatti e gli scontri di Milano, Roma e Torino che puntualmente ritornano all'inizio di ogni estate -ha affermato il coordinatore nazionale di Chiama l'Africa, Eugenio Melandri- e' necessario riaprire i luoghi di incontro e confronto tra italiani e stranieri. E' necessario riaprire le piazze e le citta chiuse all'incontro con quei cittadini che lavorano nelle fabbriche e nelle industrie e che hanno diritto ad una piena integrazione. Non solo sulla carta. Per riaprire questo dialogo e per dire no alla violenza, gli africani hanno scelto Treviso, una citta' non facile e governata da un sindaco leghista''.

La giornata di domenica, momento di incontro pacifico e propositivo, si aprira' la mattina alle 10,30 con un'assemblea degli africani nel Seminario Vescovile della Chiesa di San Nicolo'. Nel pomeriggio, un corteo pacifico percorrera' le strade della citta' fino a Piazza Pola dove dalle 18 in poi si svolgera' un concerto con gruppi musicali africani e italiani.

(Sin/Zn/Adnkronos)