MAFIA: PRESIDENTE CORTE APPELLO PALERMO RESPINGE ACCUSE BRUSCA
MAFIA: PRESIDENTE CORTE APPELLO PALERMO RESPINGE ACCUSE BRUSCA

Roma, 11 giu. - (Adnkronos) - Il presidente della Corte d'Appello di Palermo Alfonso Giordano respinge le dichiarazioni di Emanuele Brusca, dietro le quali -sostiene- c'e' ''una regia occulta''. ''E' un attacco alla mia persona -afferma l'alto magistrato ai microfoni del Tgr siciliano-. In considerazione della carica che occupo, si cerca di infrangere la mia credibilita' e la mia onorabilita'''. Brusca ha sostenuto che, attraverso il colonnello medico Antonio Mattina, le cosche avrebbero fatto arrivare pressioni a Giordano ai tempi in cui presiedeva il primo maxi-processo a Cosa nostra. Il colloquio tra Mattina e Giordano sarebbe stato registrato, ma Brusca avrebbe distrutto il nastro.

''Il fatto -spiega il presidente della Corte d'Appello di Palermo- e' assolutamente incredibile. Se ci fosse stata una registrazione, avrebbe potuto essere usata contro di me, allo scopo di ottenere una ricusazione fondata''. Giordano preannuncia comunque querela nei confronti di Brusca.

(Sin/Zn/Adnkronos)