NUCLEARE: POLLINE 'RADIOATTIVO' SCOPERTO AL NORD ITALIA (3)
NUCLEARE: POLLINE 'RADIOATTIVO' SCOPERTO AL NORD ITALIA (3)

(Adnkronos) - E non solo. Nel precisare che i valori riscontrati sono tali da ''poter escludere qualunque effetto di tipo sanitario per la popolazione'', l'Anpa sottolinea che ''si tratta di processi naturali di risospensione e dispersione nell'atmosfera del Cesio 137 presente nell'ambiente a causa delle deposizioni al suolo avvenute nell'aprile del 1986''. Inoltre l'agenzia assicura che l'assenza di altri radionuclidi artificiali legati al fenomeno della fissione nucleare ''permette di escludere conseguenze di incidenti in impianti nucleari transfrontalieri o di esplosioni nucleari per uso bellico''.

Esclusa anche l'ipotesi iniziale che si trattasse di una fusione accidentale in un impianto di incenerimento o in una fonderia di una sorgente radioattiva contenuta in rottami metallici provenienti dall'estero. I bassissimi livelli di concentrazione riscontrati ovunque rendono infatti ''estremamente improbabile'' questa spiegazione.

(Ccr/Zn/Adnkronos)