AGENZIA SUD: DOMANI IL VIA ED E' GIA' 'GUERRA' SULLE NOMINE
AGENZIA SUD: DOMANI IL VIA ED E' GIA' 'GUERRA' SULLE NOMINE

Roma, 11 giu. -(Adnkronos)- Nonostante le perplessita' dei democratici della sinistra e la palese opposizione di Rifondazione domani il governo dovrebbe varare la nuova agenzia per il Sud. E proprio questo appuntamento potrebbe essere l'occasione per un primo giro di tavolo, del tutto informale, su una delle partite piu' delicate su Sviluppo Italia: le nomine.

Una partita non facile come dimostra la richiesta di Rifondazione: un manager di grande caratura ''che raccolga in se l'autorita' di 4-5 ministri'' come ha detto Bertinotti. Sul tappeto, secondo indiscrezioni, ci sono non solo uomini ma anche criteri di nomina diversi. Al Tesoro piacerebbe affidare la guida dell'Agenzia ad un manager esterno proveniente dal mondo dell'industria.

A Palazzo Chigi si preferirebbe un economista e studioso, ma anche consigliere dell'Iri, del livello di Patrizio Bianchi. Non manca, invece, chi vedrebbe con favore alla guida dell'Agenzia un manager interno. I nomi? i piu' gettonati sono l'amministratore delegato di Itainvest, Aldo Palmeri ma anche quello della Spi, Romualdo Volpi ma in pole position c'e' il presidente dell'Ig, Carlo Borgomeo, che non sembrerebbe dispiacere al leader della Cisl, Sergio D'Antoni. Candidature queste che, si sottolinea, potrebbero trovare un ostacolo nel fatto che il disegno del governo prevede che i sei enti in pista non si fondano nella holding ma continuino ad operare e a fornire ''servizi allo sviluppo''.

(Sec/Zn/Adnkronos)