BANCO NAPOLI: SCIOPERO CONFERMATO MA IL SINDACATO SI DIVIDE
BANCO NAPOLI: SCIOPERO CONFERMATO MA IL SINDACATO SI DIVIDE

Napoli, 11 giu. - (Adnkronos) - Spaccatura sindacale sullo sciopero del 15 giugno indetto dai lavoratori del Banco di Napoli per protestare contro la fusione con la Bnl. Stamane nel corso di un iter sindacale si e' evidenziato lo scontro tra Fabi, Fiba/Cisl e Uilca/Uil da un lato e Fisac/Cgil dall'altro. Lo sciopero ci sara', ma non vi parteciperanno i rappresentanti della Fisac che avevano invece chiesto una revoca della manifestazione.

''Pensiamo sia opportuna una sospensione delle azioni di sciopero -afferma Maurizio Viscione della Fisac- nel momento in cui si fa necessaria una verifica su due fattori nuovi, poi se gli incontri andranno male allora anche noi saremo pronti a fare anche un mese di scioperi''. Gli incontri a cui il rappresentante sindacale si riferisce sono quello previsto per il 24 giugno a Roma tra gli amministratori delegati di Ina, Bnl e Banco, e i vertici sindacali e quello, che pero' non e' ancora stato fissato, tra i sindacati e l'amministratore delegato del Banco di Napoli, Federico Pepe. Incontro che dovra' affrontare il nodo della previdenza. ''In realta' -affermano Attilio Calvanese della Fabi e Sergio Marra dalla Uilca/Uil- un'organizzazione che dovrebbe rappresentare i lavoratori si e' fatta portavoce della posizione espressa dal partito dei Democratici di Sinistra, che ha gia' ufficializzato il suo assenso al dissennato progetto di fusione con la Bnl''.

(Sia/Pn/Adnkronos)