EVASI: SAP, INQUIETANTE PROVVEDIMENTO LA RIMOZIONE DEL QUESTORE
EVASI: SAP, INQUIETANTE PROVVEDIMENTO LA RIMOZIONE DEL QUESTORE

Roma, 24 giu. (Adnkronos) - La rimozione del questore di Salerno e' un ''inquietante provvedimento punitivo adottato dal Viminale''. Lo sostiene il Sindacato autonomo di Polizia (Sap), secondo il quale ''si e' voluto colpire l'anello piu' debole, evitando ancora una volta di indagare sulle responsabilita' politiche''. ''In un Paese dove non si e' ancora riusciti a realizzare un coordinamento delle polizie, e' giocoforza -sottolinea il Sap- che il Viminale adotti il criterio del capro espiatorio, senza oltretutto individuare una responsabilita' tecnico-operativa da parte del questore esautorato''.

Al ministro dell'Interno il sindacato chiede ''sulla base di quali normative la vigilanza esterna sull'aula bunker di Salerno spettava alla Polizia di Stato?''. Mentre al Capo della Polizia si chiede di ''giustificare il suo silenzio di fronte al siluramento di una persona che, solo pochi mesi fa, considerava un suo prezioso e diretto collaboratore''. ''Sulle fughe eccellenti di questi ultimi mesi, e' molto probabile che pesi -sostiene il Sap- un difetto di attenzione proprio dei responsabili politici, i quali devono dimostrare quali provvedimenti o direttive abbiano saputo adottare per impedirle''.

Il Sap preannuncia che adottera' ''misure di lotta adeguate a tutelare il personale di Polizia di fronte alle responsabilita' politiche che vengono addossate a chi aveva assicurato alla giustizia i criminali poi evasi''.

(Sin/Pe/Adnkronos)