GOVERNO: D'ALEMA, PRODI HA CHIARITO GLI EQUIVOCI (3)
GOVERNO: D'ALEMA, PRODI HA CHIARITO GLI EQUIVOCI (3)

(Adnkronos) - Spetta al presidente del Consiglio stabilire tempi e modi della verifica. D'Alema non si sbilancia. ''Siccome vedo che qualsiasi cosa dico alimenta sospetti totalmente immotivati... I tempi? Li decidera' il presidente del Consiglio. E' chiaro che debbano essere il piu' possibile rapidi. Direi che e' perfino implicito ed elementare che il Paese voglia chiarezza. Certamente ci vorra' una rinnovata base programmatica che impegni tutti''.

A D'Alema preme di piu' precisare che in questi giorni non ha giocato allo sfascio e non ha puntato a far scoppiare una crisi. ''Ho visto che l'amico Gerardo Bianco sostiene che io volessi una crisi di governo. Francamente non so da che cosa lo deduca. Ho visto che era a Strasburgo e forse ci sono state semplicemente delle difficolta' linguistiche''.

''Non voglio in alcun modo una crisi di governo, non l'ho mai voluta, spero anzi si creino le condizioni perche' il governo proceda con forza e sicurezza, in termini di chiarezza politica''. Il rischio di maggioranze variabili non preoccupa piu' di tanto il leader dei Ds. ''Noi non abbiamo timori di alcun genere. Abbiamo 172 deputati e 100 senatori e il far parte di una maggioranza lo decidiamo noi autonomamente. Far parte di una maggioranza non e' come rispondere alla leva militare. Siamo una grande forza politica senza la quale e' difficile formare una maggioranza. Facciamo parte di una maggioranza scelta dai cittadini con il voto''. (segue)

(Ruf/Gs/Adnkronos)