RPT VIGNA: IL SUPERPROCURATORE, MI MANCANO LE INDAGINI
RPT VIGNA: IL SUPERPROCURATORE, MI MANCANO LE INDAGINI

Roma, 25 giu. (Adnkronos) - Piero Luigi Vigna ammette: ''Mi mancano le indagini. Qualche interrogatorio, di quelli investigativi, lo faccio. Ma certo avere l'indagine e' tutta un'altra cosa''. Il procuratore nazionale antimafia si confida in un'intervista rilasciata ad 'Italy Daily', il supplemento italiano dell''International Herald Tribune'. Insomma, quasi preferirebbe una procura, anche Reggio Calabria? ''Proprio Reggio Calabria -risponde il 'superprocuratore'-. Farei volentieri un'altra esperienza sul campo. Se me la offrono...''.

Nell'intervista Vigna lancia anche l'allarme sull'estendersi della ''mafiosita' culturale'' al di fuori dei confini del Sud. ''Tra la gente -dice- la voglia di collaborare con lo Stato va diminuendo. Anche fuori dal Meridione si sta diventando piu' silenziosi. E il silenzio -avverte il procuratore antimafia- e' un preludio dell'omerta' e della contiguita' omertosa tipica di chi e' 'suddito' anziche' cittadino''.

Vigna, infine, 'promuove' l'azione del governo di centro sinistra nella lotta alla mafia. E' ''meglio'' di quella del centro destra, sostiene. ''Al di la' delle riforme -spiega Vigna- e' lo spirito quello che vale e sicuramente c'e' una distanza politica piu' forte. Imparagonabile''.

(Sin/Zn/Adnkronos)