ABBRONZATURA: PER I PATITI UNA PELLE CON 10 ANNI IN PIU'
ABBRONZATURA: PER I PATITI UNA PELLE CON 10 ANNI IN PIU'

Roma, 1 lug. - (Adnkronos) - Patiti dell'abbronzatura attenti. Le ripetute esposizioni al sole, non adeguatamente protette, portano ad un invecchiamento precoce della pelle stimabile in 10 anni in piu' dopo i 40 anni. Nel caso dei fumatori si aggiungono ancora, in media, cinque anni. A descrivere i particolari dei danni da sole e fumo e' il professor Nicolo' Scuderi, direttore della scuola di specializzazione in chirurgia plastica dell'universita' ''La Sapienza'' di Roma.

''La cosa piu' dannosa e' la ripetizione dell'esposizione senza lasciare recuperare la pelle - dice Scuderi all'Adnkronos - questo e' oggi maggiormente evidente per l'abbronzatura da vacanze ai tropici nei mesi invernali, da lampade e dalla lunga estate. In media possiamo considerare un anno di vita in piu' ogni anno che passa, con una media di 10 anni piu' vecchi nella pelle dopo i 40 anni rispetto a chi non si espone per il manifestarsi di un maggior numero di rughe''. (segue)

(Ria/Zn/Adnkronos)