TURISMO RELIGIOSO: MATERA FESTEGGIA LA MADONNA DELLA BRUNA
TURISMO RELIGIOSO: MATERA FESTEGGIA LA MADONNA DELLA BRUNA

Roma, 1 lug. -(Adnkronos)- Domani Matera festeggia con una solenne processione conclusa dalla 'Stracciata del carro', la ricorrenza della Madonna della Bruna, considerata la protettrice della citta' lucana. La leggenda, suffragata da diverse testimonianze storiche, vuole che la festa sia stata istituita nel 1378 da papa Urbano sesto. La Madonna deve il suo singolare nome non al colore della pelle, bensi' al colle palestino di Ebron dove l'immagine sarebbe stata consacrata per la prima volta, giungendo poi misteriosamente fino a Matera.

Qui l'attendevano nuove peripezie, come un trafugamento da parte dei pirati saraceni, sventato all'ultimo momento dalla cittadinanza. Poiche' l'immagine della Madonna della Bruna e' particolarmente pesante, per riportarla in citta' si decise di costruire un carro, destinato ad esser distrutto subito dopo il trasporto, per non correre il rischio che questo servisse ad agevolare nuovi rapimenti.

La festa che Matera riserva alla sua patrona si svolge in tre distinti momenti: una prima processione, che parte all'alba, ricorda proprio l'episodio del ratto da parte dei saraceni e l'affannosa ricerca dei pastori. Intorno a mezzogiorno un corteo di cavalieri in costume d'epoca accompagna la vergine dal Duomo, dove e' tradizionalmente conservata fino alla vicina chiesa di Piccianello. La sera si svolge invece la processione piu' suggestiva, che rievoca la distruzione del carro: esponenti del clero, figuranti in costume, appartenenti alle confraternite locali, bande musicali scortano la statua addobbata e trasportata da un carro realizzato in materiale leggero, destinato ad esser distrutto. Fedeli e turisti se ne accaparrano piccoli pezzi, considerati non solo souvenirs, ma anche portafortuna.

(Srp/Zn/Adnkronos)