VERIFICA: BOSELLI, PER NOI CENTRALE LA LAICITA' DELLO STATO
VERIFICA: BOSELLI, PER NOI CENTRALE LA LAICITA' DELLO STATO

Roma, 3 lug. - (Adnkronos) - La verifica di maggioranza e' l'occasione per ribadire la laicita' dello Stato dagli interventi della chiesa cattolica, preservandola dai condizionamenti che la gerarchia ecclesiastica cerca di esercitare sul quadro delle forze che sostengono il governo. E' questo uno degli argomenti di confronto che i socialisti di Enrico Boselli si apprestano a porre nell'ambito del chiarimento nella maggioranza programmato per la prossima settimana. ''Papa Wojtyla - scrive Boselli in un fondo che comparira' sull'Avanti di domenica - che tanti meriti ha avuto nella battaglia di liberta' contro il comunismo totalitario ha riproposto la difesa dei valori della Chiesa''.

''Queste posizioni vanno rispettate ma non possono costituire il canone di comportamento imposto per legge a tutti i cittadini. I socialisti, tra i quali ci sono cattolici e non cattolici, continueranno, come hanno sempre fatto, a difendere la laicita' dello Stato. Il segretario dei popolari Franco Marini - continua Boselli - ha detto: 'sui problemi della vita e della bioetica non mi sento vincolato a nessuna decisione della maggioranza'. Su queste cose e' riduttivo dire 'abbiamo un'alleanza, no abbiamo una coscienza'''.

''Questo ragionamento e' corretto ma vale per tutti. Nel centro sinistra, come nel centro destra, su questi temi si fronteggiano trasversalmente concezioni diverse dello Stato, come e' giusto che sia. I socialisti avvieranno incontri su questi temi con tutti coloro che, nella maggioranza come nell'opposizione, vogliono difendere la laicita' dello Stato al fine di assumere iniziative comuni in Parlamento e nel paese. La posta in gioco - conclude Boselli - e' la tutela dei piu' importanti principi del liberalismo democratico che i socialisti hanno pienamente sposato''.

(Pol/Zn/Adnkronos)