VERIFICA: HUE, D'ALEMA-BERTINOTTI? SPESSO APPROCCIO SIMILE (2)
VERIFICA: HUE, D'ALEMA-BERTINOTTI? SPESSO APPROCCIO SIMILE (2)

(Adnkronos) - Hue non ha consigliato a Bertinotti di entrare nel governo. ''E' un affare che riguarda esclusivamente il vertice e il partito'' dice. ''Quando noi abbiamo deciso di entrare nel governo Jospin, lo abbiamo fatto dopo un lungo dibattito all'interno del partito. Ora ritengo molto costruttivo partecipare al governo. Penso che una forza politica deve essere capace di opporsi, ma anche di costruire. E credo che su questo Bertinotti sia d'accordo. Ma la differenza sta nel fatto che in Francia abbiamo elaborato una piattaforma comune che, seppure incompleta, ha permesso al Pcf di entrare nel governo. Un giorno, Bertinotti mi disse: forse, nella situazione francese, Rifondazione farebbe parte del governo...''.

Questa mattina, Hue ha visto Massimo D'Alema. E' stato il primo incontro tra Pcf e Ds e il segretario francese lo considera ''una svolta''. ''Sono emersi elementi importanti su cui possiamo agire insieme, ad esempio sulla politica estera. D'Alema si e' anche detto favorevole alla proposta dell'economista Tobin sulla tassazione dei capitali in accordo con gli altri Paesi europei''.

Dopo Botteghe Oscure, Palazzo Chigi. Con Romano Prodi, Hue ha avuto un incontro ''fruttuoso ed estremamente caloroso. C'e' stato uno scambio di idee approfondito sull'Europa e abbiamo esaminato le situazioni in cui l'Europa puo' avere un ruolo e intervenire nel Mediterraneo e in Medio Oriente''. Complessivamente, il segretario del Pcf giudica ''la breve ma molto intensa'' visita italiana come ''una tappa importante'' per il rafforzamento delle forze comuniste e progressiste europee. E per quel ''riorientamento della politica europea verso un indirizzo sociale'' che i comunisti francesi considerano ''essenziale''.

(Rgg/Zn/Adnkronos)