ANNEGAMENTI: PASINI (OMS), ECCO TUTTE LE CAUSE
ANNEGAMENTI: PASINI (OMS), ECCO TUTTE LE CAUSE

Rimini, 6 lug. - (Adnkronos) - Lunghe esposizioni al sole, penetrazione di piccole quantita' di acqua nelle vie respiratorie provocanti sincopi riflesse, violenti impatti dell'addome con l'acqua, traumi dei bulbi oculari, crisi epilettiche, episodi sincopali dovuti a bradi o tachi-aritmie. Sono queste le cause principali degli annegamenti secondo Walter Pasini, direttore del Centro di riferimento Oms per la medicina del turismo.

''L'acqua di mare - dice Pasini - determina per le caratteristiche del liquido che e' ricco di sali, un'edema polmonare precoce che si manifesta con l'emissione di liquido schiumoso roseo. L'inondamento delle vie aeree viene inizialmente ostacolato dalla chiusura serrata delle corde vocali che impedisce la penetrazione dell'acqua nei polmoni. Tale spasmo di protrae mediamente per circa un minuto. In questa fase il recupero dell'infortunato e' quasi sempre possibile''.

''Se l'immersione si prolunga - aggiunge Pasini - la progressiva 'fame d'aria' dell'infortunato provoca il rilasciamento delle corde vocali e tentativi spasmodici di respirazione: e' questo il momento dell'annegamento propriamente detto, in cui si verifica l'inondamento degli alveoli polmonari con blocco degli scambi respiratori, edema polmonare, aritmie, convulsioni e perdita di coscienza. In questa fase il recupero dell'annegato e' determinato dalla tempestivita' dell'intervento rianimatorio e dalla corretta esecuzione delle manovre di rianimazione cardio-respiratorie''.

(Ria/Zn/Adnkronos)