FRANCIA 98: MICHELI, LA NOSTRA NAZIONALE VA CAMBIATA
FRANCIA 98: MICHELI, LA NOSTRA NAZIONALE VA CAMBIATA

Roma, 6 lug. - (Adnkronos) - Dopo l'eliminazione degli azzurri dai mondiali di Francia continuano a piovere accuse a critiche sulla conduzione tecnica di Cesare Maldini. Si fanno sempre piu' insistenti voci su un'eventuale sostituzione del nostro commissario tecnico: oggi alcuni indicano come probabile suo successore il campione del mondo dell'82, Dino Zoff.

Anche il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Enrico Micheli, esprime un commento sulle scelt del Ct ma decide di parlare ''come semplice cittadino'', precisa ai cronisti che lo avvicinano prima di partecipare ad una conferenza nella Sala del Cenacolo di vicolo Valdina dedicata alle donne dell'Ulivo. ''Io sono per il bel calcio -dice il braccio destro di Prodi- questa nazionale non mi e' piaciuta. Sono per il cambiamento. Ho ammirato invece il gioco della Croazia''.

Il fondatore del quotidiano La Repubblica, Eugenio Scalfari, ha paragonato nel suo fondo di ieri (intitolato ''La nosta nazionale specchio del Paese'') il calcio e la politica evidenziando che ''ci manca sempre la linea mediana...'', incalzano i cronisti. ''Non e' vero -ribatte Micheli- nel 1982 vincemmo con un'ottima mediana formata da Oriali, Tardelli, Antognoni e Conti. Ma forse quella fu l'eccezione che conferma la regola..''.

(Vam/Pn/Adnkronos)