INCENDI: CGIL CALABRIA, DEMAGOGICO CRIMINALIZZARE FORESTALE
INCENDI: CGIL CALABRIA, DEMAGOGICO CRIMINALIZZARE FORESTALE

Lamezia Terme, 6 lug. - (Adnkronos) - E' scoppiata la polemica sugli incendi in Calabria. Si cerca di trovare il capro espiatorio sulla mancata tempestivita' degli interventi o sull'assenza di una adeguata prevenzione degli incendi. Sotto tiro sono finiti i forestali che a giudizio del segretario generale della Flai-Cgil, Antonio Granata, e' inopportuno criminalizzare un'intera categoria, quella dei lavoratori forestali. Per Antonio Granata ''rientra nella cultura demagogica di chi tenta maldestramente di coprire le proprie responsabilita', scaricare su una categoria dei lavoratori cosi' importante e ricorda che la Calabria, pur detenendo una media di superfice boscata al di sopra degli standard non riesce a tutelare adeguatamente il proprio territorio''. E Granata infatti pone la sua attenzione sul problema della prevenzione.

''Prevenire, infatti -sostiene Granata- significa programmare per tempo, investire risorse economiche ed umane, far si', cioe', che la presenza dell'uomo nei boschi sia efficace e professionalmente qualificata''. Dinanzi al tentativo di criminalizzare un'intera categoria, per Granata, ''bisogna reagire cambiare rotta ed approntare una serie di interventi idonei a cambiare pagina sul fronte della prevenzione sul fronte degli incendi e sull'utilizzo dei lavoratori forestali per ricondurre la Calabria, anche su questo versante, ai livelli minimi di civilta'''. (segue)

(Nsp/Pn/Adnkronos)