INCENDI: IL CRIMINOLOGO, QUASI SEMPRE VOLONTARI
INCENDI: IL CRIMINOLOGO, QUASI SEMPRE VOLONTARI

Roma, 6 lug. -(Adnkronos)- Difficilmente dietro i grandi incendi, come quelli che stanno devastando il nostro meridione, vi e' la mente malata dei piromani ''veri''. Quasi sempre a dare il via quelle che diventano poi delle vere e proprie catastrofi sono interessi economici o personali. Ne e' convinto il criminologo Francesco Bruno che ha tracciato per l'Adnkronos una sorta di identikit di chi gioca col fuoco.

''Vi sono diversi tipi di piromani -spiega Bruno- il piromane propriamente detto che e' un ammalato, una persona che ha un grosso disturbo del controllo degli impulsi, che lo spinge, a dar fuoco per soddisfare una sua pulsione profonda di origine sessuale. In altri termini -aggiunge- e' una specie di impotente che si eccita sessualmente dando fuoco, provocando danni e tanto piu' il fuoco e' importante tanto piu' il piromane ha soddisfazione. Non vuole fare vittime ne' prendersela con gli oggetti: per lui, e' importante la fiamma, e' importante vedere che il suo atto minimo scaturisce un effetto importante. Normalmente sono giovani maturi, tra i 20 e i 40 anni che spesso vivono in citta' di piccola e media grandezza''. Accanto a questi, che rappresentano una minoranza, il criminologo individua altre ''categorie''. (segue)

(Ste/Zn/Adnkronos)