INCENDI: PREFETTO CATANZARO, DENUNCIATE I PIROMANI (2)
INCENDI: PREFETTO CATANZARO, DENUNCIATE I PIROMANI (2)

(Adnkronos) - Il prefetto insiste sulla cultura della Protezione civile ed aggiunge: ''stiamo facendo da ben 5 anni 'scuola sicura' all'interno del mondo scolastico, per aumentare la cultura dell'autoprotezione, dell'informazione sul modo di comportarsi nei vari rischi''. Gallitto, che ha una esperienza della Protezione civile acquisita quando era prefetto della provincia di Novara intende trasferire questo suo patrimonio ed annuncia che a settembre insieme alla provincia di Catanzaro ed alla Regione inizieranno dei corsi di formazione nei centri operativi misti per i volontari ''questa -commenta- e' una cosa molto importante''.

Per quanto riguarda invece lo scaricabarile delle responsabilita' sugli interventi il prefetto di Catanzaro, che ha partecipato al vertice operativo presso la giunta regionale con chiarezza ammette di aver sottolineato che ''in queste riunioni devono smetterla di attribuire ad altri le responsabilita' ed a se stessi i meriti, altrimenti -evidenzia Gallitto- non si conclude nulla''.

Intanto va via via scemando il fuoco in Calabria. Incominciano i consuntivi, che risultano pesanti e sul piano delle risorse ingenti. Ma anche sul piano delle vittime l'emergenza incendi ha fatto registrare 3 morti, 2 carbonizzati ed un bambino deceduto per asfissia. I danni provocati ammontano a centinaia di miliardi. Al momento non e' possibile farne una quantificazione precisa. Sono andate distrutte circa 50 case, un centinaio sono state evacuate perche' pericolanti, oltre 5 mila animali sono morti e si incominciano a fare i primi bilanci. (segue)

(Nsp/Pn/Adnkronos)