RAPINA VAN GOGH: VELTRONI, FERITA RIMARGINATA (2)
RAPINA VAN GOGH: VELTRONI, FERITA RIMARGINATA (2)

(Adnkronos) - ''48 giorni fa, al momento del furto, avevamo promesso il massimo impegno -ha detto Veltroni-. Abbiamo mantenuto quella promessa. Il merito e' delle Forze dell'ordine, il governo puo' dire di non aver mollato l'impegno politico perche' questa sfida si vincesse''. Il vicepremier ha anche sottolineato una curiosa coincidenza: ''Erano le 3,30 del mattino quando mi svegliarono per annunciarmi il furto, erano le 3,30 del mattino quando mi hanno avvisato del ritrovamento''.

I particolari tecnici del recupero al generale Conforti. ''Abbiamo lavorato sulla Galleria, esaminato 160 dipendenti. Una di questi e' venuto fuori che aveva frequentazioni con un gruppo criminale romano''. Da li', le Forze dell'ordine sono arrivate a individuare quella che e' stata definita ''una collaborazione tra criminalita' romana e piemontese'' e ad individuare tutti i membri della banda grazie a intercettazioni telefoniche, pedinamenti, l'uso di ''strumenti tecnici di primo livello'' e anche grazie all'aiuto delle forze dell'ordine del Belgio, dove due elementi della banda avevano trascorso un periodo di detenzione per ''reati molto gravi'', come ha spiegato Conforti.

Ultimo atto, l'irruzione nei 'covi' che ha portato al sequestro di due fucili, due pistole, un revolver, centinaia di cartucce, barba e baffi finti, passamontagna e altro ancora. Nel 'covo' romano, e' stato tale 'l'effetto sorpresa' che la donna fermata, buttando la pistola dalla finestra, ha rischiato di colpire in testa con l'arma un carabiniere appostato di sotto, come ha raccontato un inquirente. (segue)

(Gmg/Pe/Adnkronos)