DS: FOLENA, SI' AL DIALOGO CON LA DESTRA SULLE REGOLE (3)
DS: FOLENA, SI' AL DIALOGO CON LA DESTRA SULLE REGOLE (3)

(Adnkronos) - Folena passa poi al ''duro conflitto'' apertosi in questi giorni attorno alla proposta di istituire una commissione d'inchiesta su Tangentopoli. ''Questa proposta -osserva- e' nata con un forte segno politico-culturale negativo, volto a dare al Parlamento uno strumento capace di interferire e sindacare, in un disordine e in un'anarchia crescenti, procedimenti in corso e atti giudiziari''. Per questo, ribadisce il responsabile Giustizia dei Ds, ''abbiamo detto di no con nettezza. Ma di fronte al rischio, all'indomani dell'inaudita reazione dopo la condanna di Berlusconi, che con il concorso di alcune parti della maggioranza venisse approvata quella proposta, abbiamo, come Ds e poi come intero centrosinistra, assunto un'iniziativa volta a contrapporre un'altra idea di commissione''.

Folena ricorda a questo proposito i ''paletti invalicabili'' indicati. E chiarisce: ''di fatto una commissione che, senza i tradizionali poteri dell'autorita' giudiziaria di cui godono le altre commissioni d'inchiesta, si configurasse come una commissione sulla 'questione morale'''.

''Non si poteva e non si doveva regalare a questa destra radicale e aggressiva -sottolinea Folena- l'argomento di una sinistra imbarazzata e in difensiva, che ha qualcosa da nascondere''. Per questo. il responsabile Giustizia dei Ds vuole ricordare che ''troppi hanno dimenticato come legittimamente le procure abbiano rivoltato come un calzino il Pci-Pds'' e che ''troppi non si danno pace del fatto che la sinistra non ha partecipato ai grandi fenomeni di corruzione''. Da qui l'interrogativo: ''perche' essere timorosi?''. (segue)

(Vlo/Zn/Adnkronos)