PRODI: ATTACCO A BERLUSCONI E 'MESSAGGI' A PRC E D'ALEMA
PRODI: ATTACCO A BERLUSCONI E 'MESSAGGI' A PRC E D'ALEMA

Roma, 17 lug. (Adnkronos) - Non era difficile immaginare che il passaggio piu' 'caldo' dell'intervento di Romano Prodi al Senato sarebbe stato quello relativo alla giustizia. E cosi' e' stato: il presidente del Consiglio ha risposto a quello che ha definito ''un attacco frontale'' di Silvio Berlusconi alla magistratura, non solo italiana, con eguale moneta.

''Non possiamo in alcun modo condividere -ha detto- la ricostruzione che anche in questi giorni Berlusconi fa dell'operato della magistratura e l'attacco frontale che viene portato nei confronti non solo della magistratura inquirente, ma anche di quella giudicante; non solo della magistratura italiana ma anche di quella di un altro Paese, come la Spagna''.

''Abbiamo sentito risuonare nelle ultime ore -ha proseguito Prodi- gli echi di posizioni politiche e culturali e di un ritorno ad un clima di odio e di contrapposizioni persino ideologiche che appare oggettivamente molto grave. Ricostruire la vicenda italiana degli ultimi anni in termini di golpe o di complotto e' veramente inammissibile. Sono le stesse posizioni e lo stesso clima che alcuni anni fa spinsero moltissimi italiani a dedicare impegno e sforzo affinche' il Paese non fosse governato da chi usava un tale linguaggio e tale aggressivita' verso il ruolo e la funzione della giustizia''. (segue)

(Fer/Pe/Adnkronos)