PRODI: BERLUSCONI, SI E' ADEGUATO AD ALLEATI STALINISTI... (2)
PRODI: BERLUSCONI, SI E' ADEGUATO AD ALLEATI STALINISTI... (2)

(Adnkronos) - ''Prodi ci attribuisce valutazioni che sono il contrario della realta' -dice il Cavaliere- Vogliamo la commissione per accertare la verita' sul sistema della corruzione in Italia. Non abbiamo mai detto nulla che potesse riferirsi ad un attacco alla magistratura. Abbiamo sempre difeso la autonomia e l'indipendenza dei magistrati. Siamo dalla parte della maggior parte dei giudici che, silenziosamente, restano fedeli alle leggi e alla Repubblica...''.

''Abbiamo attaccato settori, per fortuna minoritari, della magistratura che si sono attribuiti, per loro stessa dichiarazione, il ruolo etico di fare la 'ripulitura' del sistema, una operazione che si e' concretizzata -aggiunge Berlusconi- nel disegno di far fuori una classe politica per sostituirsi ad essa ad aprire la strada del governo alla sinistra. Vogliamo mettere in angolo i magistrati che hanno un disegno politico. E non lo dico io, l'ha detto il signor Antonio Di Pietro ai giudici di Brescia... e lo confermano le dichiarazioni dei magistrati di Milano''.

Insomma, per il leader di Fi, Prodi ''si e' adeguato ai metodi di chi si e' applicato per tutta la vita alla ideologia che conosciamo, fino ad arrivare ad usare l'insulto come sistema per demonizzare l'avversario politico. Cosi', io che non ho mai insultato nessuno, vengo insultato e anche offeso...''. Berlusconi si dichiara ''deluso'' anche da tutto il resto del discorso di Prodi. ''Aspettavamo folgoranti dichiarazioni. Abbiamo assistito all'apologia delle 35 ore come strumento per creare lavoro, della Agensud... Non c'e' alcuna vera soluzione ai problemi del paese''.

(Pnz/Zn/Adnkronos)