PRODI: ULIVO SENATO APPLAUDE, IL PRC NO
PRODI: ULIVO SENATO APPLAUDE, IL PRC NO

Roma, 17 lug. - (Adnkronos) - Apprezzamento unanime dai capigruppo dell'Ulivo al Senato per l'intervento con il quale il presidente del Consiglio Romano Prodi ha chiesto un voto di fiducia alle Camere per un nuovo ciclo del suo governo mentre Rifondazione Comunista non applaude. E aspetta che siano gli organismi dirigenti del partito e soprattutto il cpn di domenica prossima a dare una valutazione definitiva. Anche se, ''a titolo personale'' la vice presidente del Senato Ersilia Salvato non nasconde che a suo giudizio ci sono le condizioni anche per un voto di fiducia piena.

Salvato spiega il suo ''giudizio positivo'' sull'intervento di Prodi, segnalando ''alcune novita' interessanti sulle quali bisogna ragionare''. E ricorda che se si e' d'accordo con gli obiettivi di politica di governo da perseguire nel nuovo ciclo l'impegno non potra' non riguardare anche il giudizio sulla prossima legge finanziaria. ''Sotto il profilo politico e democratico -sottolinea Salvato- il ragionamento di Prodi e' ineccepibile: il 21 aprile gli elettori hanno dato un consenso pieno alla maggioranza per governare, ed e' giusto che Prodi chieda una fiducia piena. Le fiducie 'balneari' sono cose di altri tempi''.

Molto piu' prudente il giudizio di Leonardo Caponi, presidente della commissione industria del Prc, molto vicino alle posizioni del presidente del partito Cossutta. ''Dovranno esserci -sottolinea- ancora passi avanti rispetto alle misure, pur apprezzabili, oggi enunciate''. alla finanziaria, invece, da' direttamente appuntamento il 'bertinottiano' Giovanni Russo Spena. ''Non vedo -afferma- nemmeno l'ombra di una svolta riformatrice: vedremo se e come ci sara' nei provvedimenti concreti e nella finanziaria''. (segue)

(Tor/Zn/Adnkronos)