TANGENTOPOLI: CRAXI, ORA CHIARO IMBROGLIO FALSA 'RIVOLUZIONE'
TANGENTOPOLI: CRAXI, ORA CHIARO IMBROGLIO FALSA 'RIVOLUZIONE'

Roma, 17 lug. - (Adnkronos) - ''L'ennesimo rifiuto di istituire una commissione d'inchiesta dopo 6 anni dall'inizio della cosiddetta tangentopoli mette clamorosamente alla luce tutta la natura dello storico imbroglio su cui si e' retto il corso della 'falsa rivoluzione'''. E' quanto afferma, in una dichiarazione, l'ex segretario socialista Bettino Craxi.

''Una commissione d'inchiesta che lavorasse seriamente e avesse i poteri per farlo -aggiunge Craxi- non potrebbe non venire a capo di cio' che ha fatto in molti casi e in molte parti d'Italia la giustizia dei due persi e delle due misure. In una commissione parlamentare potrebbero cadere le reti protettive di cui si sono avvalsi in tanti. Il mondo politico italiano pullula infatti di moralizzatori che dentro il sistema del finanziamento illegale e reati annessi e connessi ci stavano fino al collo. Non si teme, allora, tanto per la sorte dei giudici che hanno indagato a zig-zag, quanto per se' medesimi e per cio' che in varie forme si e' fatto mentendo poi spudoratamente''.

''Dire che chi sa di scheletri negli armadi deve rivolgersi alla magistratura -rileva Craxi- fa solo sorridere, visto come sono andate le cose sino ad ora. Questo vale per personaggi collocati in vari vertici di qualche rilievo, per leader politici vecchi e nuovi, per partiti e formazioni politiche varie''. Per Craxi il no alla commissione d'inchiesta e' ''un terribile colpo all'autorevolezza, alla sovranita', al prestigio del Parlamento''.

(Pol/Zn/Adnkronos)