HITLER: GLI OO7 INGLESI ARCHITETTARONO NUMEROSI ATTENTATI (2)
HITLER: GLI OO7 INGLESI ARCHITETTARONO NUMEROSI ATTENTATI (2)

(Adnkronos) - I documenti confermano anche la volonta' da parte servizi britannici di utilizzare contro Hitler Rudolph Hess, che si era rifugiato in Scozia nel 1941, proponendosi come mediatore di pace. Quanto all'atteggiamento del governo inglese, dal dossier si evince che l'operazione Foxley era gradita ai capi di stato maggiore delle forze armate, che il primo ministro Winston Churchill ne fu informato e non la contrasto', ma che tutti i progetti rimasero pura teoria. Motivo potrebbe essere i forti contrasti che l'iniziativa suscito' all'interno dello stesso intelligence. Ad opporvisi fu soprattutto il maggiore Field-Robertson, convinto della superiorita' militare e strategica del proprio paese, secondo il quale eliminare Hitler avrebbe avuto l'effetto controproducente di martirizzarlo.

Gli 007 inglesi, dopo lunghi ripensamenti, ebbero licenza di uccidere Hitler di nuovo nel marzo del '45 grazie all'ammiraglio A. Prit, che affido' il compito ad un agente, indicato come capitano E.H. Bennett, che lavorava negli uffici degli addetti militari inglesi a Washington. Poche settimane dopo, il dietrofront. A maggio l'armata sovietica entro' a Berlino e Hitler si tolse la vita nel suo bunker insieme alla sua compagna Eva Braun.

Ma non e' tutto. Tra i documenti ci sono anche molti particolari 'hard' sulla vita degli ufficiali di alto rango nazista. Molto materiale raccolto dai 'James Bond'' inglesi riguarda Himmler, che, a quanto si apprende, celebrava strani accoppiamenti rituali alla presenza di una ''grande sacerdotessa''.

(Ses/Pe/Adnkronos)