HITLER: GLI OO7 INGLESI ARCHITETTARONO NUMEROSI ATTENTATI
HITLER: GLI OO7 INGLESI ARCHITETTARONO NUMEROSI ATTENTATI

Londra, 22 lug. (Adnkronos) - Numerosi attentati, mai messi a segno, furono architettati dagli 007 inglesi durante gli ultimi mesi del secondo conflitto mondiale, contro Adolf Hitler. L'esistenza di un piano, denominato in codice operazione ''Foxley'', emerge da alcuni documenti finora top-secret, conservati negli archivi britannici, da adesso a sisposizione degli storici.

Dal dossier, che e' di 120 pagine, vien fuori che uccidere il furher per gli inglesi divenne una priorita' assoluta per lo ''Special Operations Executive'', che operava clandestinamente nelle retrovie nemiche, soltanto nel giugno del 1944. Fu allora che il generale Colin Gubbins chiamo' a raccolta i suoi uomini e mise a punto il primo progetto di attentato a Hitler, che avrebbe dovuto aver luogo, secondo le indicazioni francesi, nel castello di Perpignano. L'operazione ando' a monte, ma gli agenti segreti britannici cominciarono ad elaborarne numerosissime altre. Alcune delle quali particolarmente rocambolesche e suggestive: dall'avvelenamento dell'acqua per il te', che Hitler beveva a litri, a Berchtesgaden, all'invio sul ''Nido delle aquile'', in Baviera, di un commando di paracadutisti o di un solitario cecchino, alla possibilita' di far deragliare il treno del Fuhrer in una galleria. (segue)

(Ses/Pe/Adnkronos)