LAVORO: TREU, 500 MILA COLLOQUI PERSONALI PER TROVARE UN POSTO
LAVORO: TREU, 500 MILA COLLOQUI PERSONALI PER TROVARE UN POSTO

Roma, 25 lug. - (Adnkronos) - Cinquecentomila colloqui 'a tu per tu' con i giovani alla ricerca del loro primo impiego o con chi, invece, il lavoro l'ha perso. Parte cosi' la rivoluzione del collocamento pubblico. Vanno in soffitta le vecchie e burocratiche liste numeriche, nate negli anni '50 e ora inadeguate a rispondere alle sfide imposte dalla societa' informatica e postindustriale, per lasciare il posto, sulla falsariga di quanto avviene negli altri Paesi europei, alle interviste personalizzate e specifiche per offrire, in maniera mirata, ''opportunita' concrete'' nel mondo del lavoro.

A spiegare all'Adnkronos la filosofia del nuovo piano di formazione e orientamento personalizzato e' il ministro del Lavoro Tiziano Treu. ''E' un piano -dice Treu- con il quale vogliamo sentire personalmente 200 mila giovani, cioe' coloro che arrivano e si presentano sul mercato del lavoro. Intendiamo sentire le loro disponibilita', le loro aspirazioni, quello che sanno fare''.

Ma ai 200 mila colloqui con i giovani alla ricerca del primo lavoro, si aggiungono altre 300 mila interviste con i disoccupati di lunga durata. ''Faremo 300 mila colloqui personalizzati sulla base di un campionamento perche' dovremo prenderli non solo in diverse zone del Paese, ma anche per diversi gradi di anzianita' di disoccupazione. E' un piano, insomma, che mira a fare non solo una fotografia della disoccupazione, ma a orientare, a offrire a queste persone delle opportunita' e delle conoscenze, che altrimenti non avrebbero, perche' non bastano piu' i mezzi di comunicazione di massa''. (segue)

(Sec/Pn/Adnkronos)