TANGENTOPOLI: AZIONE CATTOLICA, DISTINGUERE POLITICA DA GIUSTIZIA (3)
TANGENTOPOLI: AZIONE CATTOLICA, DISTINGUERE POLITICA DA GIUSTIZIA (3)

(Adnkronos) - Coppie gay. ''Il problema delle coppie di fatto -ha aggiunto il presidente dell'Azione Cattolica- e' assai delicato e va visto in modo obiettivo, valutando tutti gli aspetti, le persone e le aspettative delle persone stesse. Detto questo vorrei ricordare i diritti che spettano alla famiglia per il ruolo che occupa nella societa'. Occorre, quindi, cercare una soluzione che ricerchi l'obiettivita'. Le forme di convivenza possono essere moltissime, sono comunque diverse dalla famiglia e metterle assieme ritengo sia sbagliato. Cio' che bisogna evitare sono i pasticci''. Poi soffermandosi sulla recente polemica che ha visto protagonisti i vescovi e il segretario del Ppi, Franco Marini, il responsabile del movimento ecclesiale ha spiegato che ''si poteva tranquillamente evitare. Se ci sono problemi credo cia siano sedi migliori e piu' opportune per affrontarli e risolverli senza arrivare a polemiche simili''.

Infine una parola sul leader dell'opposizione, Silvio Berlusconi condannato da due sentenze di primo grado per vicende legate a Tangentopoli. Secondo lei dovrebbe fare un passo indietro e ritirarsi dalla vita politica? ''Premesso che la presunzione d'innocenza vale anche per Berlusconi, questo dipende dalla sensibilita' di ciascuno. Spetta quindi alla sensibilita' di ciascuno di valutare se la sua presenza e' ancora positiva. Ognuno ha la sua coscienza per valutare cio'''.

(Gia/Pn/Adnkronos)